Strategie e soluzioni per lo sviluppo della qualità nella cooperazione di abitazione e nel settore delle costruzioni
*
*
*

Gestione e analisi del valore

*
GESTIONE E ANALISI DEL VALORE
GESTIONE E ANALISI DEL VALORE
Uno degli aspetti che caratterizza l'Analisi del Valore (AV) - UNI EN 1325-1:1998, UNI EN 1325-2:2005, UNI EN 12973:2003 - da altri metodi che mettono a confronto più soluzioni da dare al medesimo problema per essere di supporto alle decisioni, consiste nella rigorosità con la quale viene condotta l'attività interdisciplinare di un gruppo coordinato da un Esperto AV e la possibilità di misurare la soddisfazione delle esigenze con le risorse che c'è necessità di impegnare. L'entità presa in considerazione viene infatti riguardata per quella che è e per il servizio che offre in termini di utilità, in rapporto al costo globale da sostenere per poter esplicare le funzioni nel periodo di tempo preso a riferimento (vita utile ipotizzata).

Trattandosi di sicurezza nei cantieri edili e nei luoghi di lavoro, la valutazione dei rischi relativi a più soluzioni ipotizzate può essere ricondotta alla stima di un unico parametro numerico che racchiuda in sé tutti gli aspetti interessati: l'Indice di Valore (Iv), rapporto tra l'utilità delle funzioni prese in considerazione (function worth - FW) ed il costo globale ad esse relativo (function global cost - FC).
La trattazione prende origine dall'Analisi del Valore  ideata da Lawrence D. Miles agli inizi degli anni '40. Il concetto di valore introdotto da Miles comprende la qualità (UNI EN ISO 8402:95, UNI EN ISO 9000:2000), ovverosia la soddisfazione delle esigenze, e con l'utilità dell'entità considerata, la rende misurabile in rapporto alle risorse necessarie nella vita utile ipotizzata per l'entità presa in esame.

Per chi ha avuto occasione di applicare l'Analisi del Valore nelle quattro fasi del processo dei lavori pubblici: programmazione, progettazione, realizzazione e gestione, si sarà accorto dei vantaggi derivanti da un metodo e da una tecnica operativa che lpuò essere impiegata fin dagli Studi di Fattibilità e nella redazione dei Documenti preliminari all’avvio della progettazione (Dpp) comprendenti tutti quei dati di ingresso senza i quali i gruppi di progettazione non potrebbero operare con possibilità di verifiche in corso di attività.

Oltre alle verifiche interne ai gruppi di progettazione (design review) sono, infatti, previste verifiche esterne da parte del Responsabile Unico del Procedimento che deve poter intervenire con esperti per riscontrare la rispondenza della proposta progettuale ai contenuti del Dpp. E’ in questa occasione che potrà rivelarsi particolarmente efficace sottoporre i documenti ad una analisi funzionale e ad una valutazione con l’Indice di Valore, rendendosi possibile programmare con rigore, su basi statistiche, rapportando la resa ai servizi che l’opera dovrà dare costantemente in termini di efficienza e di efficacia, sempre attenti a dare risposte congruenti alla logica dello sviluppo sostenibile.

Di valore si parla ormai diffusamente (catena di valore, dare valore alle organizzazioni e alle produzioni, creare valore, ….), ma non emerge quasi mai con chiarezza una definizione tale da poterlo misurare. Chiunque parli di valore di una idea o di qualsiasi cosa, attribuisce a questa parola un significato che riporta all'utilità e al fattore economico, mentre, in generale, chi parla di qualità vi abbina quasi sempre un significato assai prossimo alla soddisfazione estetica, e solamente chi conosce le definizioni rigorose di cui alla normativa italiana ed internazionale, rapporta il giudizio alla soddisfazione di esigenze. In termini di valore una cosa può o meno piacere, ma certamente deve risultare utile e abbordabile, vale a dire ottenibile e usabile ad un costo equo. Nel valore c'è, in altre parole, la categoria che si attribuisce a ciò che vale, ma che è anche possibile avere e poter utilizzare, tanto è vero che di una cosa alla quale viene attribuito un grande significato estetico o d'uso, ma ottenibile ad un costo tale da considerarsi insostenibile, si dice che è di inestimabile valore.

Per scegliere fra la soluzione di prima ipotesi e altre in alternativa, il legislatore introdusse l'Analisi del Valore in fase di progettazione nella Merloni (articolo 15, comma 11, del Regolamento generale) e nel Capitolato generale d'appalto, consentendo all'impresa vincitrice di gara di proporre soluzioni alternative, purché dimostrasse rigorosamente che le proposte si sarebbero tradotte in uguali prestazioni ad un costo inferiore al preventivato.

L'Analisi del Valore è stata applicata nella determinazione dei costi standardizzati delle opere pubblica presso l'Autorità per la vigilanza sui lavori pubblici (www.autoritalavoripubblici.it) e nella promozione del project financing presso l'Unità tecnica Finanza di Progetto, CIPE, Ministero dell'Economia e delle Finanze. Gli spunti iniziali sono stati ripresi da P. L. Maffei, Edilizia e Territorio, IlSole24Ore, 27/99

Autore: Pier Luigi Maffei - Professore Ordinario Dipartimento di Ingegneria Civile Università degli studi di Pisa - Presidente Associazione Italiana per la Gestione e l'Analisi del Valore